Coscienza Svizzera
Coscienza Svizzera - Gruppo di studio e di informazione
Coscienza Svizzera - Gruppo di studio e di informazione

Ritorna

Argovia: Petizione "Avanti con l’italiano nel Canton Argovia!" - Consegnate 8000 firme

 

Aarau, 4 marzo 2014: consegnate 8000 firme al Consiglio di Stato argoviese

I promotori della petizione “Avanti con l’italiano nel Canton Argovia!” hanno consegnato 8000 firme raccolte a favore della lingua e cultura italiana nelle scuole medie del Canton Argovia.

È nota l’intenzione delle autorità cantonali di dimezzare le lezioni d’italiano. Per contrastare questa misura di risparmio numerose persone di tutta la Svizzera hanno sottoscritto la petizione affinché l’italiano, anche nelle scuole argoviesi, abbia uno spazio dignitoso. Contro la riduzione avevano  preso posizione  con uno scritto sia il Consiglio di Stato ticinese sia quello grigionese.

 


Italiano nelle scuole dell'obbligo del Canton Argovia: sì o no?

Petizione: avanti con l’italiano nel Canton Argovia! 

Il Canton Argovia intende dimezzare l’insegnamento dell’italiano come materia facoltativa alla Bezirksschule/Sekundarschule/Realschule per motivi di risparmio. Questa misura è inaccettabile perché:

  • il numero di ore in dotazione finora (tre ore settimanali per due anni), è conforme alle moderne esigenze dell’insegnamento di una lingua straniera. Una riduzione significherebbe aprire le porte alla superficialità.
  • l’italiano è una lingua nazionale: l’articolo costituzionale sulle lingue e la legge sulle lingue sostengono la comprensione tra le varie regioni linguistiche.
  • due anni d’insegnamento dell’italiano alla scuola pubblica gettano le basi per proseguirne lo studio al liceo e per usufruirne nell’apprendistato.
  • l’italiano è ancor oggi l’idioma parlato da molte persone la cui lingua madre non è il tedesco. Nella sanità e nei settori dell’industria e dell’edilizia, l’italiano è lingua franca che permette una comunicazione di partenza.

I firmatari chiedono al Consiglio di Stato di lasciare inalterata e senza riduzioni l’offerta della lingua italiana nella scuola pubblica argoviese. In Svizzera l’interesse e la comprensione delle altre regioni linguistiche da parte dei nostri giovani devono essere incoraggiati!


La petizione viene promossa e sostenuta da:

Fachschaft Italienisch des Aargauischen Bezirkslehrerinnen- und Bezirkslehrervereins (Sek I): Ferreri Maria, Huonder Annamaria, Iacopetta Marilena, Müller Hans-Paul, Spadea Irene Beck-Matti Beatrice, Grossrätin, Schafisheim / Bernasconi Luca, Leiter Immunologie, Kantonsspital Aarau / Callà Davide, Fussballspieler FC Aarau / Erba Diego, coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera / Felder Anna, Schriftstellerin, Aarau / Genoni Marco, Vize-Gemeindepräsident, Suhr / Langone Giosuè, Società Dante Alighieri Aarau / Martignoni Bruno, Fussballspieler FC Aarau / Ostini-Canonica Myriam, Pro Ticino, Suhr / Sperduto Donato, presidente ASPI: associazione svizzera dei professori di italiano

 

4 Marzo 2014